dic 09 2016

Riunione Assistenti Arbitrali Regionali

Un’emozionante riunione è stata tenuta da Mattia Bartolomucci e Luca Ragone per gli Assistenti Arbitrali in forza al CRALazio.

I 30 minuti iniziali sono stati i più importanti, carichi e pregni di significato: Mattia ha incantato la platea incentrando il suo discorso tre parole:

OBIETTIVO – SACRIFICIO – ORGOGLIO.

L’Obiettivo è ciò che deve spingere ognuno di noi a dare il massimo, con lo scopo di ottenere soddisfazione.

Il Sacrificio è l’unico mezzo utile per raggiungere l’obiettivo, nessuno viene premiato se non ha la divisa sporca di sudore.

L’Orgoglio è lo spirito di appartenenza che lega ogni Assistente ad essere fiero di far parte della Sezione di Ciampino.

Mossi dunque da questa carica e fieri di avere delle guide così sensibili nei nostri confronti, alle quali è doveroso aggiungere Arcangelo Devanna, Daniele Giovannetti e Fabrizio Nicolli presenti in sezione ed Emilio Amici, Paolo Delle Fontane ed Emanuele Musumeci assenti giustificati; abbiamo visionato e giudicato alcuni video dalle Categorie di Promozione fino alla Champions League passando per la Serie A.

Fortunatamente siamo riusciti a formare una squadra. Solo così potremo dunque puntare in alto, con la forza di ognuno di noi che viene alimentata dal gruppo.

In bocca al lupo a tutti per la stagione.

Mirko Gizzi

WhatsApp Image 2016-12-09 at 13.46.31

dic 01 2016

28/11/2016 – Una serata tra il ricordo di Bruno e ospiti Nazionali

1 - Copertina

Per chi frequenta la sezione le occasioni per imparare sono innumerevoli. Tra allenamenti e riunioni tecniche c’è sempre la possibilità di acquisire nuove informazioni e aumentare il proprio bagaglio di esperienza. Di prepararsi psicologicamente ad episodi e situazioni, fino ad allora, inaspettate.

Ma da questo, e da infiniti altri, punti di vista la serata di lunedì 28 novembre è stata un dono preziosissimo.

I Mentor regionali Antonio Di Blasio e Odoardo Marcellini hanno puntato l’attenzione su una quantità infinita di errori, a volte banalissimi, che si possono commettere durante le gare sottolineando quanto sia importante prestare attenzione a ciò che ci circonda (sul terreno di gioco come nella vita).

Tenere sotto controllo tutti gli aspetti che riguardano il pre-gara, e che ci ruotano intorno durante la gara è cruciale perché ci permette di tenere sotto controllo la situazione nel suo complesso. E da una situazione controllata con la giusta attenzione e concentrazione deriva una partita che, con buona speranza, non ci sfuggirà.

Per non parlare, poi, dei video che abbiamo analizzato con due ospiti d’eccezione: l’arbitro CAN B Fabrizio Pasqua e l’assistente arbitrale CAN A Alfonso Marrazzo che hanno portato alla nostra attenzione casi tutt’altro che banali, ma analizzati con una chiarezza e una semplicità disarmanti.

Aldilà degli accorgimenti tecnici, disciplinari e di spostamento ciò che più ci ha stupiti è stata l’umiltà e la capacità di mettersi in discussione insieme a noi che mai ci saremmo aspettati da chi ha raggiunto la vetta o ci è, in ogni modo, vicinissimo.

Concludendo è giusto sottolineare come la nostra sezione abbia offerto a tutti i presenti un altro mattoncino su cui costruire il percorso di crescita che ci può portare lontano e che passa, ovviamente, anche da quelle lacune di esperienza che tutti abbiamo evidenziato. Ma ci piace pensare che, come ieri è stato giustamente sottolineato dai mentor:

“Per un arbitro l’unico modo per imparare è commettere degli errori.”

Per cui il bilancio alla fin fine è positivo. Abbiamo fatto degli errori, abbiamo avuto la fortuna di toccare con mano errori fatti da nostri colleghi e abbiamo imparato.

 

Faremo degli errori domenica in campo? Certo ma, almeno per noi, saranno errori nuovi.

Beatrice, Eleonora, Emilia e Sofia 

 

 

 

 

Lunedì 28 novembre la Sezione di Ciampino ha avuto l’onore di ospitare quattro importanti personalità dell’arbitraggio targato Lazio: Alfonso Marrazzo, assistente arbitrale CAN A della Sezione di Roma 1, Fabrizio Pasqua, arbitro CAN B della Sezione di Tivoli, Antonio Di Blasio e Odoardo Marcellini, responsabili del progetto UEFA Talent & Mentor nel Lazio.

La riunione è stata aperta dal presidente Paolo Samà nel ricordo dell’osservatore e soprattutto amico Bruno Palla, scomparso qualche giorno fa, a cui la platea ha dedicato un sentito minuto di silenzio.

Dopo il raccoglimento, i primi a prendere la parola sono stati Antonio Di Blasio e Odoardo Marcellini, i quali hanno brillantemente spiegato l’importanza della cura dei particolari di un Arbitro, senza cui non è possibile emergere e fare strada nel mondo arbitrale.

Arbitrare non è solo fare da giudice disinteressato in una partita di calcio, non è ammissibile tale superficialità in questo mondo in cui siamo visionati da tifosi, giornalisti e allenatori tutti esperti o meno esperti. L’unico modo per proseguire in questa nostra passione è proprio la cura del dettaglio da quando arriva la designazione, alla preparazione della borsa al primo contatto con il terreno di gioco.

Passata la parola a Fabrizio Pasqua (Arbitro CAN B) e Alfonso Marrazzo (Assistente CAN A), essi hanno mostrato numerosi video di episodi relativi alla collaborazione tra arbitro e assistente, utili sia per chi ha già la fortuna di uscire in una terna arbitrale sia per chi sta mettendo le basi per farlo in un futuro prossimo.

Molti ragazzi sono stati coinvolti da domande e curiosità sempre con la filosofia del “sei io fossi stato l’Arbitro…” che aiuta il giovane ad immedesimarsi nell’episodio.

Il coinvolgimento è stato tale che la serata è proseguita presso un noto Ristorante di Ciampino con una cena a base di pizza per stringere ulteriormente il rapporto di amicizia tra Fabrizio e Alfonso con i ragazzi e le ragazze della sezione di Ciampino.

5 - La Platea 4 - Trombetta 3 - Pasqua2 - Pasqua e Marrazzo 6 - Marcellini

Giovanni D’Anelli

 

Post precedenti «

Mirko Gizzi